restauro infissi

Porte in abete e il restauro infissi

Perché scegliere una porta in abete? Scopriamolo insieme

Di facile manutenzione e lunga resistenza nel tempo, il legno si adatta in modo versatile a infinite lavorazioni e personalizzazioni, per qualsiasi tipo di ambiente.

Scegliere delle porte in legno per gli ambienti interni di un’abitazione significa affidarsi ad un materiale naturale che si adatta in maniera determinante all’ambiente della casa rendendolo prezioso. Sono infissi di facile restauro ma anche di lunga resistenza nel tempo, grazie all’utilizzo di legname di alta qualità, il legno possiede una sorprendente adattabilità ad infinite lavorazioni e personalizzazioni.

Ci sono moltissimi tipi di legno che si possono utilizzare per la produzione di porte interne. Sulla base dello stile che vogliamo dare ai nostri ambienti, la nostra scelta ricadrà più su una determinata tipologia di legname piuttosto che su un’altra. Per un’ambiente dallo stile classico, la scelta ideale è l’abete. Anche il pino è perfetto per chi desidera un ambiente rustico. Chi è alla ricerca di una soluzione più pregiata che doni all’ambiente più carattere può optare per la quercia o il rovere dalle sfumature rossastre.

Da POLVANESI potete trovare una vasta selezione di tipologie di legname. Potrete decidere se installare una porta in legno che si adatti al vostro arredamento rustico oppure una porta in legno che risalti l’originalità del vostro ambiente in stile moderno.

Vantaggi legati alle porte in legno

Tra i vantaggi legati alle porte in legno possiamo innanzitutto citare l’eleganza e il valore estetico. Scegliere un legno di qualità può contribuire ad accrescere il valore di un’abitazione. Si tratta di un materiale resistente, ma che allo stesso tempo si adatta a infinite personalizzazioni del cliente. Le porte in legno hanno una lunga durata e non necessitano di particolare manutenzione, a meno che non vengano esposte agli agenti atmosferici.

Il legno di abete


Parliamo nello specifico del legno di Abete, quali sono le loro caratteristiche più importanti? 
Il legno di questa conifera è un legno tenero, dalla caratteristica fibra a striature o ad anelli irregolari. Il colore chiaro (giallo tenue) lo rende perfetto, anche non rifinito, per la produzione di porte rustiche. La sua vulnerabilità ad agenti atmosferici e tarli lo rendono un legno da utilizzare negli interni.
Inoltre è un legno:

  •       economico
  •       leggero
  •       resinoso

Che il legno di Abete sia una delle essenze più note e diffuse in tutto il mondo è fuor di dubbio! La sua notorietà è certamente legata all’albero dal quale viene estratto: l’albero del Natale per eccellenza, quello tradizionale, a punta, dalle foglie aghiformi e dal colore verde brillante.

L’Abete appartiene alla famiglia delle conifere sempreverdi ed è tipico delle zone montuose. È uno dei tipi di legno maggiormente diffusi tra l’Europa centrale e orientale, nonché in Italia dove si trova con abbastanza facilità.

Lo sapevi che il legno di Abete è biocompatibile?

L’Abete è un’essenza legnosa fortemente privilegiata nei sistemi costruttivi ecologici come la bioedilizia e la bioarchitettura perché i suoi alberi crescono e si diffondono con rapidità e il loro abbattimento non causa danni ai boschi come invece accade per altre specie arboree a crescita lenta.

Un solo albero può fornire una grande quantità di tavole e anche per questo si tratta di un materiale piuttosto economico.